LA CONSULTA - CONSULTA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

LA CONSULTA

 

10 MOTIVI PER ADERIRE ALLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI



E' costituita a San Pietro in Casale la Consulta delle Associazioni che rappresenta (al momento) 33 associazioni iscritte all'Albo Comunale delle Libere Forme Associative.
La Consulta è una spazio di discussione e scambio di esperienze aperto a tutte le associazioni del nostro territorio dove esistono tantissime realtà che propongono iniziative culturali, sociali, sportive ambientali, educative .
Ma a che cosa serve una Consulta? Non è un organo burocratico o formale. E' uno spazio di opportunità per tutte le associazioni che scelgono di mettersi in rete, confrontarsi e coordinare le proprie attività in modo da renderle più fruttuose.
La Consulta è un luogo di ascolto e di raccolta di tutte le istanze avanzate dalle associazioni e rappresenta un punto di raccordo tra società civile e amministrazione locale.


Concretamente la Consulta si propone di:

1. promuovere la nascita di nuove iniziative di volontariato e rafforzare quelle esistenti;

2. approfondire la conoscenza del fenomeno del volontariato attraverso un censimento delle realtà presenti in loco;

3. offrire il suo patrocinio alle attività messe in atto dalle singole Associazioni al fine di una loro maggiore divulgazione e valorizzazione;

4. sviluppare rapporti e scambi con altre Istituzioni nazionali, regionali, provinciali, comprensoriali ed internazionali, pubbliche o private;

5. aderire a progetti comuni assieme alle associazioni di volontariato e non, coordinandole in settori di intervento specifici;

6. svolgere un ruolo “politico” di rappresentanza presso le Amministrazioni Pubbliche al fine di presentare le esigenze delle associazioni  e farsi portatrice delle diverse istanze;

7. fornire informazioni sulle Associazioni presenti sul territorio rendendosi disponibile a dare chiarimenti e delucidazioni per indirizzare gli utenti verso l'attività di volontariato;

8. organizzare l'annuale Festa delle Associazioni quale momento di presentazione alla cittadinanza delle tante associazioni presenti sul territorio;

9. realizzare un sito on line aperto a tutte le associazioni che aderiscono alla Consulta per dare visibilità e promuovere le iniziative;

10. offrire strumenti tecnico/giuridici/logistici per chiunque voglia costituire un'associazione o iscriversi alla Consulta stessa.



Per informazioni scrivi a consultasanpietroincasale@gmail.com  o vai a   www.comune.san-pietro-in-casale.bo.it cliccando il link associazionismo.



Organi della Consulta:


− L'Assemblea dei delegati;
− Il Comitato di Coordinamento, composto da rappresentanti eletti dall’Assemblea

(Coordinatore, Vice e segretario)

L’Assemblea dei delegati è il massimo organo decisionale della Consulta.
E’ composta da due delegati (uno effettivo ed uno supplente) designati da ciascuna delle libere forme associative che hanno aderito alla Consulta. I membri supplenti possono partecipare all’Assemblea senza diritto di voto. In caso di assenza, i membri effettivi sono sostituiti dai supplenti con pienezza di diritti. Non sono ammesse deleghe.
Ogni forma associativa può sostituire in qualsiasi momento i propri rappresentanti (effettivo e supplente) inviando apposita comunicazione scritta all’Ufficio comunale competente.
Ad ogni convocazione dell’Assemblea dei delegati può partecipare, senza diritto di voto, il Sindaco o Assessore o funzionario delegato.
Su invito del Comitato di coordinamento, possono essere ammessi a partecipare, senza diritto di voto, rappresentanze esterne alla Consulta ai fini di consultazione, promozione ed integrazione dei programmi.
L'Assemblea elegge al suo interno il Comitato di Coordinamento.
Spetta all’Assemblea determinare le direttive generali e i programmi di attività, esprimere pareri e verificarne l’attuazione da parte del Comitato di Coordinamento.
L’Assemblea si riunisce di norma almeno 2 volte nell’anno su convocazione del Comitato di coordinamento.
La convocazione dell'Assemblea può altresì essere disposta dal Sindaco o Assessore competente o richiesta da almeno un quarto dei suoi componenti per il tramite del Comitato di Coordinamento.
Le sedute dell'Assemblea sono valide, in prima convocazione, quando sono presenti la metà più uno dei componenti aventi diritto di voto; in seconda convocazione è sufficiente la presenza di almeno 1/3 dei componenti aventi diritto di voto.
Le sedute sono presiedute dal Coordinatore della Consulta. In caso di sua assenza, assume la presidenza dell'Assemblea il Vice Coordinatore.
La validità delle decisioni è acquisita con voto favorevole della maggioranza dei presenti aventi diritto.
L’Assemblea dei delegati, in fase di prima applicazione del presente regolamento, è convocata e presieduta dal Sindaco o Assessore delegato.

Il Comitato di Coordinamento è composto da rappresentanti eletti dall’Assemblea dei delegati
secondo criteri di rappresentatività dei diversi settori dell’associazionismo, individuati nel numero dei settori stessi, e dura in carica 3 anni. In caso di cancellazione della forma associativa di appartenenza o del volontario singolo dall’albo comunale si intende decaduto dalla carica il membro eletto e si rimanda all’Assemblea la nomina di un nuovo membro.
Il Comitato nomina al proprio interno il Coordinatore, il Vice Coordinatore e il Segretario.
Il Comitato è l'organo di coordinamento della Consulta e lo strumento per realizzare gli orientamenti e le proposte scaturite dall'Assemblea.
Nell’esercizio delle proprie funzioni i componenti del Comitato di Coordinamento hanno diritto all’accesso agli atti amministrativi necessari al corretto espletamento dell’attività.
Il Coordinatore rappresenta la Consulta nei rapporti con l’Amministrazione comunale e con i terzi.
In caso d’impedimento è sostituito dal Vice Coordinatore.
Il Segretario cura la tenuta dei verbali e il deposito degli atti e documenti da sottoporre alla Consulta. Copia dei verbali è trasmessa, a cura del Segretario, all’ufficio competente; le forme associative e i volontari interessati avranno la facoltà di consultare la documentazione presso la sede della Consulta.
Al termine di ogni anno verrà redatta sintetica relazione sull’attività svolta, da sottoporre all’ufficio competente.


Componenti del  Comitato di Coordinamento regolarmente eletti sono:

Gabriella Podobnich  nel ruolo di Presidente  della Consulta
Iole Benelli nel ruolo di vice-presidente
Alessandra Bernini nel ruolo di Segretaria

Adolfo Leprotti




 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu